News SALVIAMO LE IMPRESE FONDI PER ReS       Pubblicata il:


SALVIAMO LE IMPRESE FONDI PER ReS Condividi su FB



SALVIAMO LE IMPRESE FONDI PER ReS


-  CREDITO D’IMPOSTA PER ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO 

 
 
 
 
 
 
 
1 PREMESSA 
 
Il bonus Ricerca & Sviluppo, introdotto per gli investimenti effettuati dal 2015 e fino al 2020, è un credito d’imposta del 50% riconosciuto alle imprese che effettuano investimenti incrementali in ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Nel 2018 per effetto delle novità introdotte dalla legge di Bilancio 2017, l’aliquota del credito d’imposta del bonus è pari al 50% per tutte le tipologie di spese sostenute ed entro il limite massimo di 20 milioni di euro annui (limite che, precedentemente, era fissato a 5 milioni). 
 
Tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa (imprese, enti non commerciali, consorzi e reti d’impresa), indipendentemente da natura giuridica, dimensione aziendale e settore economico d’appartenenza, potranno beneficiare del credito d’imposta per le spese di ricerca e sviluppo sostenute. 
 
Possono beneficiare del bonus sia le imprese italiane che quelle residenti all’estero con stabile organizzazione in Italia. Per le imprese stabilite in Italia il Credito d’Imposta è riconosciuto per le attività di Ricerca e Sviluppo svolte in proprio, commissionate, o svolte su commissione da parte di imprese residenti all’estero. 
 
Per beneficiare del Credito d’Imposta R&S le imprese dovranno indicare le spese sostenute in dichiarazione dei redditi, compilando il quadro RU del modello Unico. 
 
 
2 RIFERIMENTI NORMATIVI 
 
Legge di Stabilità 2015 Art. 1 co. 35-36 della Legge 23.12.2014 n.190 (modifiche all’art 3 del DL n. 145/2013) 
 
DM MEF-MISE 27 maggio 2015 
 
 
3 ATTIVAZIONE 
 
Dal periodo d’imposta 2015. 
 
 
4 BENEFICIARI 
 
Possono beneficiare dell'agevolazione tutte le imprese, indipendentemente dalla natura giuridica, che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019. 
 
 
 
 
CREDITO D’IMPOSTA PER ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO 
 
 
 
 
5 CAMPO DI INTERVENTO PROGETTI 
 
Sono ammissibili al Credito d’Imposta: 
 
 Lavori sperimentali o teorici svolti per l’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamentali di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o usi commerciali diretti; 
 
 Ricerca pianificata o indagine critiche, per acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale; 
 
 Acquisizione, combinazioni, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; 
 
 Attività destinate alla definizione concettuale, pianificazione e documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; 
 
 
 Elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, inclusi gli studi di fattibilità, purché non siano destinati ad uso commerciale; 
 
 Realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo è necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione è troppo elevato per poterlo usare soltanto ai fini di dimostrazione e di convalida;  
 
 
 Produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impegnati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CREDITO D’IMPOSTA PER ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO 
 
 
 
6 SPESE AMMISSIBILI 
 
Ai fini della determinazione del credito d’imposta sono ammissibili i costi di competenza nel periodo d’imposta di riferimento direttamente connessi allo svolgimento delle attività di ricerca e sviluppo ammissibili, indipendentemente dalla loro capitalizzazione in Bilancio potendo, quindi, l’impresa decidere di spesare l’intero esercizio, quali: 
 
a) Spese per il personale altamente qualificato impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo, in possesso di un titolo di dottore di ricerca, iscritto ad un ciclo di dottorato presso un’università italiana o straniera, o in possesso di laurea magistrale in discipline di ambito tecnico e scientifico (*):  dipendente dell’impresa;  in rapporto di collaborazione con l’impresa (in attività presso le strutture dell’impresa); 
 
MISURA DEL CREDITO RICONOSCIUTO del: 50% 
 
 
b) Quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzo di strumenti e attrezzature di laboratorio, in relazione alla misura e al periodo di utilizzo per l’attività di ricerca e sviluppo e comunque con un costo unitario non inferiore a 2.000,00 Euro (al netto dell’IVA). 
 
MISURA DEL CREDITO RICONOSCIUTO del: 50% 
 
 
c) Spese relative a contratti di ricerca stipulati con Università, enti di ricerca ed organismi equiparati e con altre imprese, comprese le start-up innovative, non collegate al beneficiario del credito. 
 
MISURA DEL CREDITO RICONOSCIUTO del: 50% 
 
 
d) Competenze tecniche e privative industriali relative a un’invenzione industriale, biotecnologia, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale anche acquisite da fonti esterne;  Spese per il personale non altamente qualificato impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo impiegato nelle attività di ricerca eleggibili. 
 
MISURA DEL CREDITO RICONOSCIUTO del: 50% 
 
 
 
 
CREDITO D’IMPOSTA PER ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO 
 
 
 
 
7 AGEVOLAZIONI 
 
Il credito d’imposta spetta fino ad un importo massimo annuale di 5 milioni di Euro per ciascun beneficiario ed è riconosciuto a condizione che la spesa complessiva per investimenti in attività di ricerca e sviluppo, effettuata in ciascun periodo d’imposta in relazione al quale si intende fruire dell’agevolazione , ammonti almeno ad Euro 30.000,00 e rappresenti spesa incrementale, cioè, per ogni singola voce, sia sostenuta in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei periodi d’imposta 2012-2013-2014. Per le imprese attive da meno di tre periodi di imposta, la media degli investimenti in ricerca e sviluppo sarà calcolata a decorrere dalla costituzione. 
 
 
8 ELENCO DOCUMENTI: 
 
o PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO  DESCRIZIONE  TECNICA DEL PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO; o COSTI ESTERNI  FATTURE RICEVUTE (costi per contratti di ricerca – forniture – collaborazioni – etc.);  ESTRATTO C/C (con dettaglio pagamenti effettuati); o COSTI INTERNI  CEDOLINI DIPENDENTI ALLOCATI AL PROGETTO (cedolino mensile dipendente e cedolone mensile azienda);  ESTRATTO C/C (con dettaglio pagamenti effettuati);  TIMESHEET DIPENDENTI ALLOCATI AL PROGETTO;  FOGLIO PRESENZE DIPENDENTI ALLOCATI AL PROGETTO; o CERTIFICAZIONE DEI COSTI  LIBRO GIORNALE ANNO 2018; 





Torna indietro Stampa